The North Face Ultra Endurance

Recensione

Non è un segreto che The North Face abbia faticato a creare scarpe da trail running popolari per completare la sua incredibile attrezzatura e abbigliamento.

Solo negli ultimi due anni scarpe come le Ultra Cardiac e le Ultra MT hanno iniziato a mostrare le loro intenzioni di diventare un’azienda di scarpe legittima.

Le specifiche iniziali suggerivano che la Ultra Endurance potesse essere la scarpa all rounder della linea. Tuttavia, come la Cardiac, la Ultra Endurance sembra essere un progetto quasi completamente realizzato, che potrebbe richiedere alcune modifiche sia al peso che alla calzata.

Ciò che The North Face è riuscita a fare è stato progettare la sua scarpa più confortevole, che si comporta bene nelle giornate di trail di alta montagna.

The North Face Ultra Endurance Informazioni generali

The North Face Ultra Endurance - Lato mediale

The North Face Ultra Endurance è la prima della loro linea che mira deliberatamente a fornire protezione per le ultra-distanze.

È una scarpa progettata per essere indossata per 100 miglia su terreni accidentati e variegati, e mira a competere con altre scarpe da trail running più affermate, come Brooks Cascadia, Saucony Peregrine, Montrail Mountain Masochist, Nike Wildhorse e Altra Lone Peak.

Le mie prime impressioni sulla Ultra Endurance sono state molto incoraggianti, perché sembrava che The North Face avesse migliorato notevolmente la calzata (purtroppo non è stato così). Ho apprezzato anche la suola Vibram dall’aspetto semplice e le varianti di colore.

Unità suola The North Face Ultra Endurance

The North Face Ultra Endurance - Suola

Sebbene la sensazione iniziale della Ultra Endurance sia promettente, alla fine la sensazione a diversi chilometri di distanza sul sentiero non è ispirata. L’ammortizzazione in EVA non è né morbida né dura, né rimbalzante né solida, ma piuttosto una via di mezzo.

La tecnologia Snake Plate è una piastra rocciosa che aiuta a proteggere l’avampiede, tuttavia le rocce taglienti sono ancora offensive e questa piastra sembra ridurre ulteriormente l’ammortizzazione dell’avampiede.

Gli amanti del tallone apprezzeranno una transizione fluida, ma l’Ultra Protect Cradle di North Face fa sì che la coppa del tallone sia troppo solida e un po’ instabile sui terreni rocciosi, dove la flessione è importante per adattarsi alle superfici fuori curva.

L’Ultra Endurance ha una moderata quantità di ammortizzazione in EVA, ma ciò che manca a North Face è la propria miscela di materiali che potrebbe davvero far brillare la scarpa.

New Balance ha Fresh Foam e Revlite, Adidas ha Boost e Saucony utilizza la nuova tecnologia EverRun.

In definitiva, il risultato di questa schiuma EVA per l’intersuola è un comfort poco ispirato all’inizio della corsa che porta a piedi gradualmente più doloranti alla fine di una corsa lunga.

Se a questo si aggiunge il Protect Cradle, a mio parere si tratta di una scarpa da trail poco performante.

Informazioni sulla tomaia di The North Face Ultra Endurance

The North Face Ultra Endurance - Parte superiore

La calzata della North Face Ultra Endurance è fedele alla taglia e mantiene la stessa forma di altre scarpe North Face recenti, tra cui la Ultra MT. In mancanza di un termine più appropriato, queste scarpe tendono ad avere una forma quasi a siluro.

Questo fa sì che l’avampiede si senta un po’ chiuso e che la calzata approssimativa del mesopiede faccia scivolare il piede nelle discese, incastrando le dita nell’alloggiamento affusolato della punta.

Si tratta di uno di quegli alloggiamenti per le dita che in realtà sono più lunghi che larghi e, pur funzionando per la maggior parte dei tipi di piede, la calzata nella parte mediana del piede è strana e non è calibrata.

Un’altra area di preoccupazione per la tomaia della Ultra Endurance è la linguetta a soffietto, che sembra ripiegarsi su se stessa causando aree abrasive sulla parte superiore del piede se non si fa attenzione quando si allaccia la scarpa.

Il collare del tallone è ben imbottito e i lacci piatti e resistenti alleviano la pressione sulla parte superiore del piede rimanendo legati.

La tomaia della Ultra Endurance è incredibilmente resistente, con una robusta fascia in pelle sintetica e un paracolpi in punta in grado di resistere alle sollecitazioni.

In effetti, oserei dire che si tratta di una delle scarpe da trail più resistenti che abbia mai indossato e sarebbe un’ottima scelta per le escursioni a lungo raggio.

Conclusioni di The North Face Ultra Endurance

The North Face Ultra Endurance - Coppia

Continuerò a provare le scarpe da trail North Face perché sono molto vicine a fare centro.

Sebbene i materiali siano stati migliorati nel corso degli anni e le scarpe siano sempre state belle, le aree in cui mancano sono quelle più importanti: ammortizzazione e calzata.

Il mercato è diventato incredibile in queste aree, con aziende come Hoka One One, Altra, New Balance e Nike che si sono concentrate sul miglioramento dei materiali EVA e aziende come Salomon e Altra che si sono concentrate sulla calzata, anche se con modalità diverse. Non è più sufficiente per un’azienda calzaturiera produrre una scarpa da trail appena sufficiente.

Plaudo a The North Face per aver progettato una scarpa destinata alla distanza delle 100 miglia e penso che ulteriori iterazioni di questa scarpa potrebbero rivelarsi ottime.

Come già detto, ho apprezzato molto la Ultra Endurance quando ho fatto lunghe escursioni su terreni tecnici, dove la stabilità del piede, il drenaggio e la traspirabilità non sono un problema.

Andando più lentamente si attenuano gli effetti della culla del tallone e questa è davvero un’ottima scarpa da trekking per lunghe distanze che userò in montagna.