Nike Zoom Vomero 12

Recensione

La Zoom Vomero è stata riprogettata per il 2017 mantenendo la stessa promessa di offrire un'ammortizzazione morbida e soffice insieme a una corsa reattiva.

La versione di quest'anno presenta una tomaia ridisegnata con una struttura a scarpetta. Anche il design flymesh è stato riprogettato per migliorare un sistema già fantastico.

L'ammortizzazione mantiene molte delle caratteristiche del precedente modello Vomero e utilizza una miscela di tecnologie Lunarlon e Air Zoom.

Questa è la prima versione della Nike Vomero che ho avuto l'opportunità di testare, ma ho provato altre scarpe Nike, tra cui molte versioni della Pegasus e la Nike Lunar Epic flyknit low dello scorso anno.

Una volta ricevuta la scarpa, ho testato per prima cosa il suo flex per vedere quanto fosse flessibile il materiale dell'intersuola. La scarpa presenta molte scanalature lungo la suola che permettono alla scarpa di flettersi piacevolmente.

Nike Zoom Vomero 12 - Lato mediale

Ho indossato la scarpa e ho immediatamente percepito il comfort della tomaia. La scarpa è spessa e morbida nella zona del tallone e della linguetta e sento che la scarpetta interna abbraccia comodamente il mio mesopiede.

La tomaia mi ricorda molto la Brooks Glycerin 14. L'ammortizzazione è morbida e sento che la scarpetta interna abbraccia comodamente il mio piede. L'ammortizzazione è morbida e si nota subito che è più spessa nel tallone rispetto all'avampiede.

L'avampiede delle Vomero ha quasi una sensazione di sottigliezza rispetto al tallone. Più di quanto non si noti di solito. Il modello di quest'anno è passato da un offset di 12 mm a uno di 10 mm.

Unità della suola di Nike Zoom Vomero 12

L'intersuola della Vomero 12 utilizza l'ammortizzazione Lunarlon di Nike e le unità Air Zoom per aggiungere un po' di elasticità alla corsa.

L'ammortizzazione Lunarlon è tradizionalmente composta da un nucleo di schiuma morbida racchiuso in un involucro di schiuma più solida per fornire struttura.

Inoltre, nell'intersuola e nell'ammortizzazione Lunarlon del tallone e dell'avampiede sono presenti due unità Nike Air Zoom.

Nike Zoom Vomero 12 - Suola

Tutta questa tecnologia racchiusa nell'intersuola della Vomero rende la corsa molto morbida e reattiva e mi ha davvero impressionato. Ho trovato questa scarpa molto comoda per correre, indipendentemente dalla distanza.

Ha fornito una corsa molto confortevole su tutti i tipi di corsa e ha fornito il tipo di ammortizzazione morbida e soffice che preferisco quando corro in una scarpa ammortizzata.

Anche se non sembra larga, la Vomero sembra avere una base leggermente più larga del solito, il che rende questa scarpa molto stabile.

La suola della scarpa è stata modificata per includere un modello di trazione più leggero e resistente. Non so come fosse il precedente modello Vomero in termini di durata.

Questa versione mi preoccupa un po' per la sensazione della gomma utilizzata sulla suola. Non mi sembra molto resistente e sembra quasi un tipo di schiuma più spessa e densa piuttosto che una gomma. Detto questo, ho notato solo normali segni di usura sulla suola.

La suola presenta diverse scanalature che si estendono su tutta la lunghezza e su tutta la scarpa.

Questo conferisce una flessibilità davvero notevole dal mesopiede in avanti, che aggiunge una sensazione e una reattività che è tradizionalmente difficile da ottenere con una scarpa altamente ammortizzata.

Questo è uno degli aspetti che più mi ha colpito della Vomero. Ha un'ottima sensibilità al suolo dal mesopiede in avanti, ma non dà mai l'impressione che manchi l'ammortizzazione.

Si nota che l'ammortizzazione è più sottile nell'avampiede, ma quando il piede tocca il terreno la sensazione è ottima. Hanno raggiunto un buon equilibrio con la combinazione schiuma lunarlon/nike air zoom.

La corsa di questa scarpa è semplicemente piacevole. Supera molte scarpe della stessa categoria. Tra queste, scarpe come la New Balance 1080v7 e la Nike Lunar Epic flyknit. Ha una corsa più morbida di entrambe.

Non è morbida come una scarpa come la Hoka One One Bondi 5, ma non è necessariamente un paragone corretto perché la Bondi è un tipo di scarpa diverso. Ho apprezzato la reattività della Vomero 12 rispetto alla Bondi 5.

Non ho ancora sperimentato una scarpa con una tale sensibilità al suolo che mantenga la morbidezza. Mi ricorda molto la Brooks Glycerin 14.

Confrontando i due modelli, penso che siano più o meno uguali in termini di morbidezza, con il Vomero forse leggermente più morbido.

Direi anche che la Glycerin 14 ha una transizione più fluida dalla battuta del piede alla partenza, mentre la Vomero ha una maggiore reattività.

Informazioni sulla tomaia della Nike Zoom Vomero 12

Due sono gli aspetti principali di questa tomaia che la rendono estremamente confortevole. Il primo è la costruzione interna della scarpetta. Il secondo è il sistema flymesh/flywire ridisegnato.

Nike Zoom Vomero 12 - Parte superiore

Per finire, questa scarpa è dotata anche di un'ammortizzazione morbida nella linguetta e intorno al tallone. È estremamente confortevole.

La struttura interna della scarpetta è costituita da un tessuto morbido attaccato ai lati della tomaia che arriva fino alla zona della punta e trattiene il piede. Il materiale della scarpetta interna è spesso e morbido.

Ho provato questa scarpa in inverno con calze spesse e mi è sembrato che respirasse abbastanza bene. Ci sono molte scarpe che utilizzano questo tipo di tomaia ed è per una buona ragione.

È come avere un calzino incredibilmente morbido all'interno della scarpa che trattiene il piede. Elimina molti potenziali problemi, il più importante dei quali è lo sfregamento delle dita dei piedi.

Con una scarpetta all'interno della scarpa come questa, tutto l'interno della scarpa è liscio, il che significa che non ci possono essere aree in cui la maglia potrebbe sfregare contro il piede creando attrito e vesciche.

L'unica volta che questo potrebbe essere un problema in una tomaia sarebbe se si avesse difficoltà a fissare la scarpa al piede. Ecco perché il design flymesh/flywire è così importante.

La versione dello scorso anno della Vomero aveva una tomaia con tecnologia flywire. Ciò significava che c'erano 5 cinghie che si attaccavano alla base della scarpa e attraverso le quali passavano i lacci.

Questo permetteva di sincronizzare la scarpa con i lati del piede. La nuova versione presenta lo stesso tipo di tecnologia, ma ora incorpora un sottile cavo flywire (corda resistente) che si intreccia con le fasce che si attaccano alla base della tomaia.

L'idea è che il cavo e le cinghie consentano di bloccare ulteriormente la calzata. È una necessità poter bloccare una scarpa con un'ammortizzazione e un peso così elevati sul piede.

Il design Flywire fa un ottimo lavoro in questo senso senza causare aree di pressione o irritazione sui lati mediale e laterale del piede.

Una lamentela che alcuni avranno su questa tomaia è che la forma dovrebbe essere modificata per includere un po' più di spazio nell'alloggiamento della punta. Quando è stata recensita la Vomero 11 dello scorso anno, questa è stata l'unica lamentela importante e vale anche per questa nuova versione.

In genere, quando si desidera più spazio per le dita dei piedi, è perché l'alluce si sente costretto. La tomaia di questa scarpa offre invece molto spazio per l'alluce, il 2° e il 3° dito del piede.

La scatola delle dita è sagomata in modo tale che avrei voluto un po' più di spazio sul lato laterale per il 4° e il 5° dito del piede. Voglio chiarire che questo non è stato un problema enorme (o addirittura un problema) per me personalmente.

Ho un piede di larghezza media e l'ho trovato molto comodo. Tuttavia, questo sarà un problema per alcune persone che preferiscono avere più spazio nelle dita dei piedi, ed è per questo che ne parlo.

La buona notizia è che la scarpa è disponibile in versione stretta, regolare, larga ed extra-larga per chi ha bisogno di ancora più spazio.

Conclusioni di Nike Zoom Vomero 12

È una scarpa molto comoda che mi ha colpito sotto molti aspetti. È chiaro che Nike si è impegnata a fondo nella riprogettazione di una delle sue scarpe più ammortizzate.

Nike Zoom Vomero 12 - Lato mediale

Avendo studiato le versioni precedenti della scarpa, penso che siano riusciti a mantenere le basi di ciò che piace alla Vomero e a migliorarle.

Per questi motivi credo che la maggior parte dei fan delle versioni precedenti sarà soddisfatta di questa nuova versione.

La combinazione di un'intersuola morbida e di una tomaia molto confortevole con la possibilità di bloccare la calzata è ciò che rende questa scarpa davvero fantastica.

Trovo che alcune scarpe che ho testato abbiano l'intersuola e la tomaia confortevoli al punto giusto, ma la tecnologia flywire aggiunge un ulteriore elemento.

Si tratta di un vero e proprio tentativo di cambiare e/o alterare il modo standard di allacciare una scarpa per fornire un'altra dimensione alla calzata. Mi è piaciuto il flywire nella Pegasus 33, nella Lunar Epic e qui è ancora meglio nella Vomero 12.

Per me questa scarpa è un ottimo cavallo di battaglia per gli allenamenti quotidiani ad alto chilometraggio. È un po' pesante, ma non dà la sensazione di essere troppo pesante durante la corsa.

Ha un'ottima reattività e sensibilità al suolo rispetto a molte scarpe della sua categoria. Penso che possa essere facilmente utilizzata come scarpa polivalente per l'allenamento e la corsa per chi preferisce l'ammortizzazione alla leggerezza.