Adidas Adizero Adios 4

Recensione

Adidas Adizero Adios 4 Introduzione

Prima che il mondo della corsa puntasse a una maratona in meno di 2 ore. E prima del recente passaggio a una scarpa da corsa leggera, le Adidas Adizero Adios dominavano i libri dei record della maratona.

Certo, è importante chi corre la gara, molto, ma va sempre ricordato che per anni le Adizero Adios, in più versioni, sono state le scarpe indossate da chi ha percorso più velocemente 26,2 miglia.

La Adizero Adios 3 era nota come la scarpa che deteneva il record mondiale di maratona.

Leggera, dotata di schiuma BOOST, senza fronzoli, solo velocità, la Adios 3 è stata un acquisto obbligato per i corridori che cercavano una scarpa da corsa con una durata sufficiente per essere un cavallo di battaglia per gli allenamenti.

L'Adizero Adios 3 era una scarpa considerata straordinaria con piccoli inconvenienti come il peso, anche se si sentiva più leggero sul piede, il prezzo e una tomaia molto aderente.

Ecco l'Adidas Adizero Adios 4. Una vera e propria dimostrazione del "se non è rotto non aggiustarlo".

Piccole modifiche alla tomaia, su un'intersuola e una suola molto simili, rendono le Adios 4 più confortevoli rispetto al modello precedente.

Prime impressioni sulle Adidas Adizero Adios 4

Adidas Adizero Adios 4 - Punta

Quando ho ricevuto le Adios 4 e le ho tirate fuori dalla scatola, la scarpa era molto simile alle Adios 3.

Leggere e dall'aspetto semplice, con lo stesso aspetto dell'intersuola e della suola, ho subito indossato le Adios 4 per vedere come si sarebbe adattata la nuova tomaia.

Leggermente più grande, ma ancora stretta nella parte centrale del piede, ancora poco profonda nell'alloggiamento della punta, ma sempre con una sensazione di grande chiusura.

Possedendo ancora le Adios 3, le ho confrontate e ho notato che, pur essendo ancora molto strette, le Adios 4 sono sicuramente più comode nella zona mediale del piede rispetto alla terza versione.

La prima corsa con le Adios 4 è stata molto simile alla versione precedente e, visto il successo delle Adios 3, è stata una sensazione piacevole.

C'è un'avvertenza da tenere presente nella sola descrizione di questa recensione. Come la versione precedente, le Adios 4 sono sembrate molto più leggere rispetto al peso indicato (8,0 once).

Adidas Adizero Adios 4 Unità della suola

Adidas Adizero Adios 4 - Suola

Tutte le indicazioni fornite da Adidas indicano che la Adios 4 è costruita sulla stessa intersuola e suola della Adios 3.

Posso confermare che la suola è la stessa, compresa la gomma continentale per la durata e la trazione, il pezzo in plastica del sistema di torsione nella zona del mesopiede per la stabilità e la sensazione di reattività, e la gomma Adiwear nel tallone per la durata.

L'intersuola è composta da materiale in schiuma BOOST per una sensazione di leggerezza e reattività, con pezzi in plastica per aree mirate di stabilità nella parte interna del tallone, esattamente come le Adios 3.

Tuttavia, ritengo che ci sia una piccola differenza tra le Adios 3 e le Adios 4. La molla della punta, ovvero la curvatura della punta nella parte anteriore della scarpa, è più alta nelle Adios 3 che nelle Adios 4.

Le molle in punta più alte e più basse presentano vantaggi e svantaggi. Le molle più alte possono dare alla scarpa una sensazione di "rocker" se troppo alte, quasi una sensazione di caduta in avanti.

Una molla più bassa dà una sensazione più naturale alla scarpa e permette di generare più forza dalla parte anteriore del piede.

La distanza tra la Adios 3 e la Adios 4 è minima, ma gli amanti del tallone estremo potrebbero sentire la Adios 3 come una maggiore propulsione, mentre gli amanti dell'avampiede potrebbero sentire un maggiore comfort nel modo in cui il loro piede tocca il terreno con la Adios 4.

Tomaia delle Adidas Adizero Adios 4

Adidas Adizero Adios 4 - Coppia

Il più grande cambiamento dell'Adios 4 rispetto alla terza versione è nella tomaia. La Adios 3 era composta da una sottile rete traspirante con materiale di rinforzo in pelle scamosciata e linguetta collegata alla base e tenuta in posizione dai lacci.

La tomaia delle Adios 4 è composta da un tessuto a rete più spesso, ma sempre traspirante. Ci sono solo accenti in pelle scamosciata alla base dei lacci e che avvolgono il piede attraverso il primo occhiello.

La coppa del tallone della scarpa è più rigida rispetto alla versione precedente e le strisce adidas sono state aggiunte in uno stile sintetico più moderno, in contrasto con il look "throwback" della Adios 3.

Un'altra piccola modifica riguarda l'occhiello aggiuntivo utilizzato per l'allacciatura con blocco del laccio, più vicino all'occhiello superiore, anche se la maggior parte dei corridori probabilmente non lo utilizzerà, dato che la calzata dell'Adios 4 è così stretta.

A causa dell'aderenza della tomaia, soprattutto in corrispondenza del rivestimento in pelle scamosciata del mesopiede, potrebbe non valere la pena di aumentare la taglia, poiché la scarpa risulterà comunque stretta anche con una mezza misura in più.

Personalmente mi piace sentirmi ben stretto per le gare e gli allenamenti di velocità, ma se le scarpe sono naturalmente più strette sui vostri piedi, potete prendere in seria considerazione la taglia ½ in più.

La linguetta delle Adios 4 è cucita alla tomaia sia alla base che nella parte centrale del piede per evitare che la linguetta scivoli durante la corsa.

Inoltre, una piccola differenza tra le Adios 3 e le Adios 4 è la riduzione della quantità di elementi riflettenti, già limitata.

Francamente, questo non ha importanza, dato che le Adios 4 sono destinate agli allenamenti di velocità e alle gare e l'equipaggiamento riflettente è più importante delle scarpe riflettenti in termini di visibilità.

Adidas Adizero Adios 4 Conclusione

L'Adidas Adizero Adios 4 è una piccola modifica a una scarpa già straordinaria. Se non è rotto non aggiustarlo, ed è chiaro che nel progettare la Adios 4 Adidas ha voluto mantenere ciò che funzionava bene nella terza versione.

Le maggiori lamentele nei confronti della versione precedente riguardavano la rigidità della scarpa e i corridori avrebbero voluto che la scarpa fosse più leggera, visto l'uso che se ne fa.

Il peso delle Adios è rimasto invariato, anche se la scarpa non è mai sembrata pesante sotto il piede in nessuna delle due versioni. È leggera e veloce.

Gli aggiornamenti apportati alla tomaia, tuttavia, sono un enorme vantaggio per le Adios 4: sebbene la scarpa sia ancora incredibilmente aderente, è molto più confortevole rispetto alla versione precedente.

Il punto in cui si avverte il maggior disagio è il punto in cui il rivestimento in pelle scamosciata si trova sull'occhiello e nessun tipo di allacciatura della scarpa può evitare la stretta.

Per quanto riguarda le modifiche alla molla della punta, la maggior parte dei corridori non noterà alcuna differenza, ad eccezione di coloro che colpiscono il tallone o l'avampiede in modo estremo.

Immagino che i tallonisti preferiscano la versione precedente e gli avampiedi il modello più recente. Uno degli aspetti negativi del modello precedente è il prezzo di una scarpa destinata alla corsa e alla velocità.

Considerando che l'altra popolare scarpa da corsa per maratoneti, la Nike Vaporfly 4%, costa oltre cento dollari in più della Adios 4, non mi sento di criticare questa scarpa per il prezzo e il valore.

Credo davvero che le due migliori scarpe da corsa per maratona sul mercato siano l'Adidas Adizero Adios 4 e la già citata Nike Vaporfly 4% flyknit.

Ora arriva la domanda: sto correndo una maratona e voglio la migliore scarpa possibile per correrla. Che scarpa scelgo?

In parole povere, le Adios 4 sono molto più economiche e offrono una sensazione di aderenza al terreno, leggerezza e velocità. Il materiale Boost continuerà a dare una sensazione di comfort chilometro dopo chilometro.

Inoltre, le Adios 4 possono essere utilizzate per un notevole numero di chilometri di allenamento, mentre l'opzione Nike da corsa non è altrettanto resistente.

Il punto di forza della Vaporfly per i corridori è la sensazione di leggerezza e reattività per la quantità di ammortizzazione ottenuta, grazie allo scatto della piastra nella scarpa.

Trasparenza totale Io corro le mie maratone con le Vaporfly 4%, le mezze maratone con le Vaporfly 4% o le Adios 4, a seconda di quanti chilometri ha il mio paio di Vaporfly data la sua durata, e le Adios 4 per tutte le gare inferiori alla mezza maratona.

Nel complesso, la Adios 4 migliora una scarpa già straordinaria, risolvendo uno dei problemi principali della versione precedente. In questo modo le Adidas Adizero Adios rimangono una delle migliori scarpe da corsa su strada sul mercato.